Una proporzione preoccupante visto l'aumento del rischio di malattie cardiovascolari, prima causa di decesso

 

Più della metà degli anziani è in sovrappeso in Svizzera, una proporzione preoccupante visto che tale condizione aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, prima causa di decesso. È quanto risulta dal nuovo sistema di monitoraggio delle dipendenze e delle malattie non trasmissibili dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), denominato MonAM.
Questo sistema - indica in un comunicato odierno l'UFSP - permette di esaminare l'influenza dei fattori sociodemografici su oltre un centinaio di indicatori come il sovrappeso, il tabagismo, il consumo di canapa, il cancro o l'ipertensione.

 

Il sovrappeso - precisa la nota - riguarda molto più spesso gli anziani che non il resto della popolazione: il 53% delle persone di 65 anni e oltre presenta un indice di massa corporea troppo elevato. Questa proporzione è nettamente inferiore nelle fasce d'età più giovani: dai 35 ai 49 anni è in sovrappeso il 41% delle persone, dai 15 ai 34 anni il 25%.

Esistono anche notevoli differenze tra i sessi. Tra gli anziani di 65 anni e oltre il sovrappeso è riscontrato in quasi il 60% degli uomini e il 48% delle donne.

Tali dati - sottolinea l'UFSP - sono preoccupanti in quanto un indice di massa corporea troppo elevato aumenta il rischio non solo di malattie cardiovascolari, ma anche di diversi tipi di cancro e il diabete di tipo 2.

Per mantenere il proprio peso forma sono fondamentali un'alimentazione equilibrata e un'attività fisica sufficiente, precisa l'UFSP, aggiungendo che non è mai troppo tardi per praticare sport. Camminare, andare in bicicletta o anche ballare sono una buona scelta per gli anziani.

Il portale MonAM per il monitoraggio delle dipendenze e delle malattie non trasmissibili raccoglie per la prima volta i dati del settore su un'unica piattaforma. Oltre 50 indicatori sono già online sul sito www.monam.ch/it, che una volta completato ne conterrà più di 120.

Il sito è stato sviluppato dall'Osservatorio svizzero della salute su mandato dell’UFSP. Le cifre raccolte provengono da 40 fonti differenti e da 12 partner, il principale dei quali è l'Ufficio federale di statistica (UST).

keystone/ats | 25 giu 2019